Associazione Istruzione Unita Scuola Sindacato Autonomo

Sede Nazionale: Via Olona n.19-20123 Milano Tel/fax+390239810868

lunedì 15 giugno 2009

IUniScuola. Proroga al 31 luglio 2009 per la presentazione delle modifiche al Piano regionale di dimensionamento

ANCI Lombardia 4 Maggio 2009 - Modifiche al piano di dimensionamento delle istituzioni scolastiche – Anno scol. 2010/11

Alla luce di quanto definito in sede di Conferenza Unificata in data 28 gennaio 2009, in base alle cui determinazioni verrà stipulata un’intesa tra Governo, Regioni ed Enti locali entro il prossimo 15 giugno, il Dipartimento Istruzione di ANCI Lombardia ha promosso l’organizzazione di due seminari, per consentire la partecipazione diretta degli Amministratori locali della nostra regione alla riflessione sul tema in oggetto. Il documento approvato in Conferenza Unificata prevede l’adozione di provvedimenti che consentano un’economia di 85 milioni euro da raggiungere entro il 2012 a livello nazionale.
Tali iniziative hanno avuto luogo in data 7 e 20 aprile 2009, a Milano. Dal confronto con gli Amministratori presenti sono emersi alcuni orientamenti, che il Consiglio Direttivo di ANCI Lombardia ha fatto propri, nel documento approvato il 21 aprile 2009, consultabile sull’home page di ANCI Lombardia.
Con l’approvazione del documento si è inteso ribadire innanzi tutto che la Lombardia è regione virtuosa, che i Comuni lombardi hanno ampiamente dimostrato di rispettare le norme vigenti, contribuendo in modo sostanziale al contenimento della spesa pubblica, con interventi di razionalizzazione già effettuati a suo tempo, al punto che la media della popolazione scolastica nella nostra regione è di 845 alunni per istituto autonomo, a fronte dei limiti previsti dal DPR n. 233/98, che considerano parametro minimo i 500 alunni e massimo i 900. E’ indispensabile che l’intesa da approvarsi in Conferenza Unificata consideri la necessità di intervenire in modo mirato e non generalizzato, andando a sanare situazioni di evidente abuso o spreco. I Comuni lombardi, dal canto loro, avranno modo di offrire un ulteriore contributo, salvaguardando comunque i piccoli plessi di scuola dell’infanzia o quelli situati in zone disagiate o in condizioni di marginalità, siano essi in aree montane o di pianura.
Invitiamo pertanto gli Amministratori comunali lombardi a prendere visione del documento approvato dall’ANCI Lombardia; i criteri approvati consentiranno ai Comuni di procedere alle proposte di accorpamento, fusione, soppressione di plessi, secondo quanto previsto dal D.L.vo n. 112/98, art. 139, considerando i parametri citati e procedendo con proposte che seguano l’ordine di priorità indicato nel documento, anche in funzione dell’attivazione dei Centri Provinciali per l’Istruzione degli Adulti, che godranno di autonomia, con un proprio dirigente scolastico ed un proprio organico.
Considerando l’imminente scadenza elettorale, si è concordata con la Regione Lombardia la proroga dei termini per la presentazione delle modifiche al Piano regionale di dimensionamento, stabilendola al 31 luglio 2009.
Entro tale data, pertanto, i Comuni che intendono procedere alla modifica del piano dovranno inviare la documentazione prevista alle Amministrazioni Provinciali di competenza, per l’espressione del parere. In attesa che venga pubblicato il testo dell’Intesa di cui sopra, tuttavia, sarebbe opportuno che i Comuni capidistretto di cui alla L. 328/00 si attivassero, a livello di ambito territoriale, organizzando incontri con Comuni e Scuole, in modo da valutare soluzioni praticabili e condivise.
Si ricorda che alla documentazione da inviare in Provincia deve essere allegato anche il parere obbligatorio e non vincolante degli organi collegiali della scuola.
ANCI Lombardia si impegna a diramare il testo dell’intesa non appena in medesimo verrà approvato dalla Conferenza Unificata.