Associazione Istruzione Unita Scuola Sindacato Autonomo

Sede Nazionale: Via Olona n.19-20123 Milano Tel/fax+390239810868

lunedì 12 ottobre 2009

Scuola/Milano.PRECARI DOPO LA SENTENZA DEL TAR

da QN IL GIORNO Milano LUNEDì 12 Ottobre 2009
[Elenchi aggiornati - ma i supplenti restano ai loro posti]
[Graduatorie - I docenti provenienti da altre regioni non scalzeranno chi ha già un incarico]

I supplenti restano dove sono. Gli uffici sono già al lavoro per inserire i nominativi dei precari provenienti da altre regioni nelle graduatorie milanesi, ma le nomine non verranno messe in discussione. Ed è questo, in fondo, che interessa ai docenti a alle famiglie.
A rilanciare dubbi e preoccupazioni è stata la sentenza del Tar che impone al Ministro di inserire “a pettine”(vale a dire nella posizione corrispondente al punteggio maturato), e non in coda ,i nomi dei precari che,da altre regioni,avevano chiesto di concorrere a un posto sulle cattedre lombarde :migliaia sulla carta ,pochissimi al momento delle convocazioni .
Ora il rischio temuto era lo spostamento di quei nominativi dalla coda delle graduatorie a posizioni più favorevoli per la scelta di una sede, potesse rimettere in moto il meccanismo delle convocazioni e delle assegnazioni .
NIENTE DI TUTTO questo. Ad assicurarlo è Giuliana Pupazzoni, responsabile dell’Ufficio scolastico milanese. « Le indicazioni del Ministero – spiega – sono state chiare. Gli inserimenti “a pettine”vanno fatti, ma con riserva, e lo stiamo facendo. E le nomine già effettuate non devono essere messe in discussione».
QUINDI nessuna riapertura delle operazioni. «Del resto – commenta il segretario regionale della Cisl Scuola, Silvio Colombini – la questione in ogni caso avrebbe riguardato soltanto quelli che a suo tempo avevano fatto ricorso contro la convocazione in coda alle graduatorie, che in Lombardia sono stati pochissimi».
«Il problema piuttosto - aggiunge – è quello di un sistema scolastico che va avanti a colpi di sentenze: una situazione che dice quanto sia urgente definire la partita precari».
E sulla medesima linea si muove Corrado Baracchetti ,segretario della Cgil Scuola lombarda . « Uno sconvolgimento delle graduatorie – dice – in questo momento non sarebbe utile né al sistema scolastico, né all’utenza . Certo è che siamo al caos e la colpa non è di che ha presentato ricorso, ma del ministro che ha creato questa situazione».
« La soluzione – conclude Leonardo Donofrio, dello IUniScuola – può essere una sola: assicurare una sistemazione a tutti i precari che erano in servizio nel 2008-2009».
di Giorgio Guaiti